Camerota ed il Cilento presenze turistiche al Top

istat 2018

Camerota ed il Cilento presenze turistiche al Top

Camerota regina della provincia di Salerno spicca, nel rapporto istat 2018, con le sue 794 mila presenze quale località più visitata dai turisti turisti in tutta la provincia di Salerno. Superata quindi la stessa Salerno, seconda con poco più di seicentomila presenze molte delle quali registrate durante le festività natalizie e la città illuminata a festa per le feste natalizie.

Sul podio anche Capaccio Paestum località nota soprattutto per i famosi scavi, la mozzarella e luogo da favola per la celebrazione di numerosi matrimoni. Appena giù dal podio Centola-Palinuro, sorella di Camerota vicina geograficamente, meta che ha visto nel 2018 superare le 430 mila presenze. Costiera Amalfitana che vede in sesta posizione di questa classifica Positano seguita da Amalfi. Importante il riconoscimento del Cilento come grande “potenza” turistica della provincia di Salerno che vede anche le località di Pisciotta al quinto posto e Ascea all’ottavo completando quindi un quartetto tra le prime dieci località scelte dai turisti durante le vacanze, soprattutto estive, dell’anno scorso.

Interessanti anche i dati sulla permanenza media nelle località citate che vede il Cilento quale meta per vacanze più lunghe nei confronti delle visite mordi e fuggi registrate a salerno e Costiera Amalfitana. A Camerota, località che è prettamente destinazione per famiglie durante le vacanze estive la permanenza media è pari a 9 notti. Sono 6 invece per Centola-Palinuro per scendere a circa 4 notti di media nella costiera dove si è registrata un’alta presenza di turisti stranieri durante tutto l’arco dell’anno.

Turisti stranieri quindi che preferiscono, ovviamente, la famosa Costiera Amalfitana e gli scavi di Paestum quali itinerari per le loro vacanze, con gli Stati Uniti come nazione più presente nel nostro territorio. A seguire i nordamericani ci sono i turisti tedeschi ed Inglesi. A sorpresa arrivi anche nazioni lontane quali Australia quarta in classifica, Canada e Cina.

Provincia di Salerno quindi grande protagonista del mercato turistico con un offerta che va dall’aspetto paesaggistico a quello culturale. Se non è una sorpresa vedere località turisticamente storiche quali quelle della costiera Amalfitana è più sorprendente vedere come si stanno facendo largo le mete del Cilento che iniziano ad insidiare quelle già affermate nel panorama nazionale.

Altri dati che il rapporto conferma sono quelli relativi al tipo di prenotazione che vede ancora in aumento il “fai da te” con prenotazioni dirette che vedono un incremento del 14,3% con alloggi prenotati tramite il web che aumentano del 24,1%. Nell’arco degli ultimi cinque anni, l’utilizzo del web per prenotare l’alloggio (direttamente o tramite agenzie online) è cresciuto molto, passando dal 54,6% nel 2014 al 68,9% nel 2018.

Nel 2018, il pernottamento è stato prenotato direttamente per circa il 70% dei viaggi; l’incidenza è maggiore nel caso di quelli per vacanza (72,7%). Le prenotazioni dirette aumentano per le vacanze (+14,3% rispetto al 2017) e soprattutto per i viaggi di lavoro (+42,3%). Le partenze effettuate senza prenotare l’alloggio (circa il 14,0%) aumentano invece del 22,2% rispetto al 2017 e riguardano nel 2018 circa il 13,0% delle vacanze e più di un viaggio di lavoro su cinque. Si prenota tramite agenzie, includendo anche quelle online, il 12,8% dei viaggi (+15,1% rispetto al 2017).

I viaggi con alloggio prenotato su Internet sono in costante crescita (+24,1% rispetto al 2017), in particolare quelli effettuati per motivi di lavoro (+30,3%). Nell’arco degli ultimi cinque anni, l’utilizzo del web per prenotare l’alloggio (direttamente o tramite agenzie online) è cresciuto molto, passando dal 54,6% nel 2014 al 68,9% nel 2018.

Termina la ricerca con l’indicazione che l’automobile rimane il mezzo di trasporto più utilizzato per viaggiare: si stima che venga usata nel 67,9% dei casi (73,3% se si tratta di vacanze, 37,4% per i viaggi di lavoro), con una crescita del 14,2% rispetto al 2017.

 

Foto “Designed by macrovector / Freepik”

 

Regata delle Torri Saracene

regata delle torri saracene

Regata delle Torri Saracene

Regata delle Torri Saracene

Si svolgerà, dal 1 al 11 giugno 2017, la XII edizione della “Regata delle Torri Saracene”, organizzata dall’omonima ASD, insieme con il Club Nautico della Vela, il Circolo Nautico Torre del Greco, la Sez. Velica di Napoli della Marina Militare, il Circolo Velico Santa Venere, in collaborazione con la Lega Navale Italiana (Sezioni di Sorrento, Pozzuoli). La manifestazione è patrocinata dalla Regione Campania e dall’AMP Punta  Campanella.

Unica nel Tirreno centro-meridionale, la RTS è una regata d’altura che si svolge tra i Golfi di Napoli, Salerno, Policastro e S. Eufemia, su un totale di circa 240 miglia, anche con navigazioni notturne.

L’edizione 2017 prenderà il via il 1 giugno, con la regata Napoli – Torre del Greco, con partenza dalle acque antistanti Castel dell’Ovo e proseguirà , il 3 giugno, con la Torre del Greco – Marina di Camerota, che farà parte, anche quest’anno, del CAMPIONATO ITALIANO OFFSHORE e concorrerà all’assegnazione del Trofeo UVAI “Armatore dell’Anno”. La terza prova partirà il 10 giugno, dopo una settimana di eventi turistici, sportivi e culturali, con la Marsili Race, da Marina di Camerota a Vibo Valentia, da dove partirà la successiva prova del Campionato Italiano Offshore: la Cyclops Route.

La RTS mette alla prova l’abilità, la preparazione, la velocità e la tenacia dei concorrenti, sia nella navigazione costiera, che nell’altura. Per vincerla, è importante una perfetta messa a punto della barca, prevedere le variazioni meteorologiche e sfruttarle al meglio.

Non è una regata come le altre: è un’avventura e non è mai “una regata facile”. E’ uno degli eventi che ha maggiormente contribuito alla crescita della vela d’altura al Centro-Sud, negli ultimi anni.

Le prime imbarcazioni iscritte saranno ospitate nei porti di Napoli, Torre del Greco, Marina di Camerota e Vibo Valentia. Gli equipaggi potranno approfittare dello splendido mare del Cilento e partecipare ad eventi sportivi, turistici e culturali.

Numerosi gli eventi a sostegno della manifestazione (vedi “Programma”). Premi per ogni prova e per il trofeo RTS, che viene vinto da chi conquista più punti nelle varie prove, con possibilità di scartarne una. Premi anche per le regate infrasettimanali, cosiddette “InGulf Race”.  Ambitissimi la Coppa Sabina e il Trofeo Pipaluk.

Tre gli obiettivi degli organizzatori:

sportivo (proporre l’unica grande regata aperta a tutti nel Centro-Sud)

turistico (sfruttare  le temperature miti e lo scarso affollamento del mese di giugno)

culturale (favorire il recupero delle torri di guardia, diffuse sulle nostre coste e  quasi tutte in pessime condizioni).

 

fonte regatatorrisaracene.it

Cala Bianca premiata

cala bianca premiata

Cala Bianca premiata

Cala Bianca premiata

Cala Bianca premiata

Cala Bianca premiata da TripAdvisor®, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, ha annunciato oggi i vincitori dei TripAdvisor Travelers’ Choice™ Beaches Awards 2017. Baia do Sancho in Brasile è la vincitrice mondiale di questa edizione mentre la Spiaggia dei Conigli è prima a livello italiano. I riconoscimenti di quest’anno premiano 343 spiagge con classifiche dedicate a mondo, Africa, Asia, Australia, Caraibi, America Centrale, Europa, Sud America, Sud Pacifico e Stati Uniti. Le spiagge vincitrici dei Travelers’ Choice sono state decretate sulla base della qualità e quantità delle recensioni e del punteggio attribuiti alle spiagge dai viaggiatori su TripAdvisor negli ultimi 12 mesi.

“Diceva lo scrittore francese Jean-Claude Izzo che ‘di fronte al mare la felicità è un’idea semplice’: con l’aiuto della nostra community abbiamo stilato la classifica delle migliori spiagge del 2017, per aiutare i viaggiatori di tutto il mondo a ‘trovare la felicità’ in alcune delle spiagge più belle del pianeta” ha commentato Valentina Quattro, portavoce di TripAdvisor per l’Italia. ”I viaggiatori che stanno programmando le loro vacanze al mare possono trovare e prenotare facilmente su TripAdvisor hotel a prezzi convenienti e attrazioni per trarre il meglio dal loro viaggio”.

In Sicilia la spiaggia più bella d’Italia…

Torna in prima posizione a livello Italiano la Spiaggia dei Conigli, che scala ben tre gradini della classifica rispetto allo scorso anno. “Penso che sia un posto che almeno una volta nella vita, vada visto. I colori e il panorama che offre sono unici” scrive un viaggiatore di TripAdvisor riferendosi a questa spiaggia, che si trova sull’omonima isola e che conquista non solo la medaglia d’oro a livello nazionale ma anche la quinta posizione nella Top 10 del Vecchio Continente.

… ma è la Sardegna la regione più premiata

La Sardegna, spodestata dal primo gradino del podio, mantiene il primato per il numero di riconoscimenti ricevuti nella classifica nazionale con ben 5 spiagge premiate su 10: Cala Mariolu a Baunei (2°), Cala Goloritze sempre a Baunei (3°), La Pelosa a Stintino (5°), Porto Giunco a Villasimius (6°) e Is Aruttas a Cabras (10°). Si riconfermano nella Top 10 nazionale anche nell’edizione di quest’anno Cala Rossa a Favignana (4°), la Baia del Silenzio a Sestri Levante (7°) e la spiaggia di Tropea (9°).

Anche il Cilento presente!

Fa il suo ingresso in classifica, direttamente in ottava posizione, Cala Bianca a Marina di Camerota. Cala bianca è stata già premiata in diverse occasioni come spiaggia più amata della Penisola: nel 2013 fu incoronata regina da Il Sole 24 ore, poi è stata Legambiente con il concorso “La più bella sei tu” a premiarla.

Articolo redatto da infocilento.it

 

Carciofo di Paestum a Berlino

carciofo di paestum a berlino

Carciofo di Paestum a Berlino

Carciofo di Paestum a Berlino

L’appuntamento prende il via domani

Sono oltre 2500 le aziende ortofrutticole di tutto il mondo che hanno scelto il Fruit Logistica di Berlino per avere lo spazio espositivo utile a far conoscere la propria mission aziendale e a intraprendere nuovi contatti commerciali.

All’interno di questo scenario si inserisce il Consorzio di tutela del Carciofo di Paestum IGP, la cui area di produzione è concentrata nella Piana del Sele. Dal 8 fino al 10 Febbraio, il direttore Emilio Ferrara sarà presente alla fiera berlinese insieme a numerosi soci produttori per presentare il Carciofo di Paestum IGP e ricalcare sul piano internazionale l’eco delle numerose iniziative di comunicazione che l’hanno reso protagonista lo scorso anno in Italia.

Il “Carciofo di Paestum IGP”, raccolto dal mese di febbraio al mese di maggio, ha intensificato negli ultimi anni la sua produzione e il suo Consorzio di tutela conferma l’impegno costante in numerosi progetti promozionali tesi ad intensificare la vendita del prodotto e a valorizzarlo sia in Italia che all’estero.
Nel 2016 le scelte vincenti del Consorzio in termini di visibilità e di comunicazione del prodotto hanno fatto registrare un notevole aumento dei volumi e delle superfici certificate rispetto agli anni precedenti, con il proposito di continuare a crescere e investire in maggior misura in “R&S”.
Fruit Logistica è l’evento internazionale più popolare per tutto il settore ortofrutticolo e l’occasione ideale per il Consorzio di tutela del Carciofo di Paestum IGP per consolidare le relazioni commerciali e far conoscere questo prodotto d’eccellenza all’estero.

All’evento berlinese prenderà parte anche Alma Seges con i prodotti tipici del Cilento.

 

Articolo redatto da infocilento.it

Cilento in Rai

Cilento in Rai

Cilento in Rai

Cilento in Rai: Casaletto Spartano pronto ad incantare gli spettatori del Tg3

Nuovo appuntamento dal Cilento in Rai: per il Tgr Campania di Rai3. Il tg itinerante del sabato, infatti, punterà i riflettori su Casaletto Spartano. Il paese è ricco di fascino e si contraddistingue soprattutto per la spettacolarità con cui si mostra la natura.

Il luogo maggiormente rappresentativo di Casaletto, è senz’altro “Il Capello”. La località prende il nome dalla cascata “Capelli di Venere”. In prossimità del corso d’acqua si trova anche un mulino ben conservato e un vecchio rudere denominato “Sorgitore”, che consente la deviazione delle acque provenienti dalla sorgente che ha origine presso la località Melette, in modo che una parte delle acque alimentino il mulino e la restante parte vadano a finire nel fiume. Il Capello presenta anche tutta una serie di percorsi interni che consentono di visitare vari luoghi panoramici che il corso d’acqua crea lungo il suo tragitto.

Di recente in questa località qualcuno ha anche notato una roccia a forma di Madonna, facendo gridare al miracolo e rendendo Casaletto Spartano anche sede di pellegrinaggi. Non mancano antichi monumenti come il palazzo baronale, la casa musei, le chiese e prodotti tipici quali il prosciutto.

L’appuntamento con la rubrica del Tg itinerante è durante il tg regione delle 14.

 

Redatto da infocilento.it

Cilento Premiato a Bruxelles

Cilento premiata a bruxelles

Cilento Premiato a Bruxelles

Cilento Premiato a Bruxelles

Il Parco Nazionale del Cilento viene premiato anche a Bruxelles per le sue bellezze naturali.

Riflettori puntati sulle aree protette e sul loro impegno nella gestione del turismo sostenibile:  il 7 dicembre, al Parlamento Europeo, si è tenuta la cerimonia di assegnazione della Carta europea del turismo sostenibile a 19 nuove destinazioni. L’evento, organizzato da Europarc Federation, ha visto protagonista l’Italia: tra le aree protette premiate a Bruxelles, anche il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano, Alburni.

L’Italia, con ben 34 aree protette certificate CETS, è stato confermato, dunque, il primo paese in Europa per numero di aree coinvolte nei processi finalizzati a ottenere e mantenere questo riconoscimento legato al turismo sostenibile. .

articolo scritto da Salernotoday.it

Luci d’artista Salerno

luci d'artista salerno

Luci d’artista Salerno

Dall’anno 2006 l’iniziativa è stata adottata nella città di Salerno. Nel 2009-2010 un gemellaggio ideale tra le città, di Torino e Salerno, ha prodotto uno scambio reciproco di luci per addobbare le strade durante il periodo natalizio. Nel periodo della manifestazione (novembre-gennaio) parte delle luci adottate l’anno precedente dal capoluogo piemontese sono state esposte a Salerno, oltre ad altre opere inedite appositamente commissionate. Nel 2009 invece la città di Torino ha adottato diverse opere del comune campano, iniziando così un “gemellaggio” vero e proprio con scambio delle opere di entrambe le città.

Nel 2011, la manifestazione salernitana che ogni anno attira migliaia di turisti da tutta Italia ma anche dal resto d’Europa, vede la partecipazione dell’artista Nello Ferrigno.I pannelli luminosi da lui disegnati, realizzati dalla ditta torinese così come per molte altre installazioni, sono stati poi scambiati con Torino, per le successive edizioni dell’evento invernale, rinnovando il gemellaggio iniziato cinque anni prima.

Di particolare successo nelle varie edizioni il tema del giardino incantato, che avvolge di luci variegate e sempre diverse il centro storico cittadino, rendendo la Villa comunale di Salerno un autentico giardino fiabesco con maghi, stregoni, tunnel luminosi e figure incantate.

Luci d’artista Salerno, tutte le novità della XI edizione

NUOVE INSTALLAZIONI delle luci d’artista Salerno: Il centro storico è costellato di figure giganti, installazioni di grande impatto ed eleganza sul Corso Vittorio Emanuele dove potete ammirare una cascata di luci, lampadari e globi illuminati. Alla Rotonda c’è una vera e propria ricostruzione di un ambiente da “Le mille e una notte”. Novità anche nel Giardino Incantato della Villa Comunale dove sono state installate luminarie dedicate a nuove fiabe per la gioia dei più piccoli!

RUOTA PANORAMICA: Con l’accensione di Luci d’Artista Salerno è stata installata anche una ruota panoramica di oltre 50 metri nel sottopiazza della Concordia che permetterà a visitatori e residenti di ammirare Salerno illuminata dalle luci da una straordinaria altezza, ogni giorno dalle 10 alle 24! Il prezzo del bigllietto è di 9€ per gli adulti e 6€ per i bambini fino a 10 anni. I possessori della Luci d’Artista Card potranno usufruire dello sconto di 1€!

SAND NATIVITY: Quest’anno novità anche presso la nuova Stazione Marittima di Salerno, dove dall’8 Dicembre 2016 all’8 Gennaio 2017 per l’occasione saranno allestiti i tradizionali e suggestivi presepi di sabbia!

I Mercatini di Natale saranno inaugurati il giorno 6 Dicembre, sul Lungomare Trieste e in altri punti della città, aperti dal Lunedì al Giovedi dalle 10 alle 22, mentre Venerdì, Sabato e Domenica con chiusura alle 24.

Il maestoso albero di Natale, sarà inaugurato in Piazza Portanova il 3 Dicembre.

 

 

 

 

Gelo nel Cilento

gelo nel cilento

Gelo nel Cilento

Gelo nel Cilento

Gelo nel Cilento, eccezionale ondata di freddo nel Cilento scesa dal Nord, avvolge con una coltre di ghiaccio tutto ciò che circonda. La popolazione cilentana al risveglio ha potuto ammirare uno spettacolo inusuale a queste latitudini, fontane ghiacciate, laghetti e torrenti letteralmente di ghiaccio, uno spettacolo raro. Il parco Nazionale del Cilento simile alla tundra siberiana. Questo paesaggio, quasi nordico accompagna residenti e qualche turista  in questa epifania gelata che chiude le festività con temperature e i valori minimi degli ultimi anni, un ‘ondata di freddo destinata a passare visto che le temperature sono previste già in rialzo per inizio della prossima settimana.

Tra gli scenari regalatici da questa ondata di gelo: Salerno e le sue “Luci d’Artista”, imbiancata da una leggera coltre di neve, torrenti ghiacciati a Piaggine e d’intorni…

Di seguito alcune immagini prese dal web.

 

 

gelo nel cilento
gelo nel cilento

gelo nel cilento
gelo nel cilento

gelo nel cilento
gelo nel cilento

gelo nel cilento
gelo nel cilento

gelo nel cilento
gelo nel cilento

 

L’arte al Tempio Nettuno

L’arte al Tempio Nettuno

L’arte al Tempio Nettuno

Sarà raccontato il culto della dea Hera. CAPACCIO PAESTUM. Un’installazione di video arte realizzata site-specific dall’artista Alessandra Franco e curata da Adriana Rispoli: è questa la novità che il Parco Archeologico di Paestum presenta quest’anno nel periodo natalizio, dal 21 al 31 dicembre.

Il progetto, che ha ricevuto il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, usa come tela-schermo la facciata Ovest del Tempio c.d. di Nettuno, tra i meglio conservati del Mediterraneo, e racconta il culto della dea Hera, dalla “capanna primordiale” come l’immaginavano architetti e artisti del Settecento fino al tempio classico. Un “arche-tipo della nostra cultura attraverso un linguaggio ipertestuale”, lo definisce la curatrice Adriana Rispoli.

“Non entro nel merito della polemica – sottolinea invece il direttore del Parco Archeologico, Gabriel Zuchtriegel – ma ritengo che chi sostiene che il racconto cronologico non è l’unico possibile abbia proprio ragione. Vedere tutto solo ed esclusivamente da un’angolazione storicista, che separa nettamente le epoche, vuol dire chiudere le opere in una gabbia così che non possano più dialogare con il nostro presente.”

Il Parco Archeologico, reso autonomo con la Riforma Franceschini nel 2015, mira a rendere l’iniziativa un evento periodico, annuale. L’obiettivo è di coinvolgere artisti che si alternano e che danno una loro interpretazione contemporanea dello spazio e dei monumenti e, sempre nell’ottica del dialogo tra contemporaneo e antico, il Parco Archeologico ha in fieri una collaborazione con il museo Madre di Napoli.

La proiezione andrà in loop dal 21 al 31 dicembre, 25 escluso, dalle ore 17.00 alle 19.00; la visita è inclusa nel biglietto d’ingresso e nell’abbonamento annuale del Parco Archeologico di Paestum.

 

 

 

tempio nettuno
tempio nettuno

tempio nettuno
tempio nettuno
paestum-arte

 

 

Articolo scritto da infocilento.it

Emersa immagine di Palinuro

Emersa immagine Palinuro

Emersa immagine Palinuro

Emersa immagine Palinuro

 

Desta curiosità l’immagine di una figura simile al nocchiero di Enea scolpita nella roccia.

Il mare di Palinuro restituisce l’immagine del nocchiero di Enea scolpito nella roccia. In località Saline, a poche decine di metri dalle piscine naturali dell’ex club Mediterranee. Il profilo del nocchiero di Enea, che secondo Virgilio morì proprio al largo delle coste campane, fu scolpito all’inizio del ‘900 su una roccia oggi “riscoperta” dall’abbassamento delle acque marine
Palinuro torna a scrutare il mare al largo del Cilento. Le acque marine, in località Saline, a Centola, si sono abbassate, rivelando il profilo del nocchiero di Enea scolpito nella roccia agli inizi del’ 900 da un autore ancora oggi ignoto. Un’opera quasi del tutto dimenticata, che oggi torna letteralmente alla luce.

Le ipotesi più accreditate riguardo l’autore parlano di un amico del grande pittore siciliano Renato Guttuso, autore, a sua volta, di una tela intitolata proprio “Palinuro”, che raffigura il nocchiero di Enea privo di vita, adagiato sulle spiagge dove morì annegato. Per ora non ci sono notizie certe riguardo l’autore della scultura impressa nella roccia, ma dopo questo straordinario disvelamento naturale c’è da augurarsi che gli studi e gli approfondimenti in merito conoscano una svolta.

Articolo scritto da www.infocilento.it